IRCCS CROB

Irccs Crob: da lunedì day hospital oncologico aperto tutta la giornata

Pubblicato il 15/05/2020

L’emergenza Covid-19 da criticità ad opportunità per una efficace riorganizzazione dei servizi

oncologia

Foto scattata prima del DPCM 11 marzo 2020

Rionero in Vulture 15/05/2020 – A partire da lunedì 18 maggio il day hospital oncologico dell’Irccs Crob sarà aperto, con un doppio turno, dalle ore 8 alle ore 20. “Questa rimodulazione ” spiega il direttore del dipartimento di onco ematologia Michele Aieta “nasce dall’esigenza di coniugare il bisogno di cure con la sicurezza, sia dei pazienti che di tutto il personale, in un momento caratterizzato dall’emergenza Covid-19”. La rimodulazione non comprende soltanto un’estensione dell’orario di servizio offerto agli utenti, ma mette in atto raccomandazioni rivolte al personale medico, infermieristico e socio sanitario, finalizzate a ridurre la permanenza dei pazienti in ospedale e incrementare il distanziamento durante le terapie. In sintesi: meno pazienti per volta suddivisi nel corso dell’intera giornata, distanziamento sociale durante la permanenza in ospedale e terapie più veloci grazie alla riorganizzazione interna dei percorsi che prevedono una parte della terapia, quella ancillare, preparata in reparto. I pazienti saranno suddivisi per fasce orarie tenendo conto non soltanto della durata della chemioterapia, orale o per infusione, ma anche della distanza chilometrica da percorrere agevolando coloro che devono viaggiare per più di 50 chilometri e i residenti fuori regione.
“Nella stesura di questo nuovo modello” prosegue Aieta “abbiamo tenuto conto di numerosi aspetti sociali ed economici cercando di venire incontro, il più possibile, alle esigenze dei nostri pazienti. Abbiamo cercato di cambiare la prospettiva della situazione di emergenza attuale, trasformando una criticità in una opportunità per rivedere e migliorare il servizio che offriamo agli utenti”.
“Grazie a tutta l’equipe del day hospital oncologico” commenta il direttore generale Cristiana Mecca “grazie agli infermieri, agli oss e ai medici che con la loro grande professionalità e disponibilità hanno raccolto e fatto propria questa sfida che ci spinge a rivedere in meglio l’assistenza mantenendo sempre come punto di riferimento il benessere vogliamo garantire ai nostri pazienti”.