Nasce AMORe: Alleanza tra i 3 principali Istituti Oncologici del Sud

Pubblicato il 04/12/2017

ne fanno parte il Pascale di Napoli, l'Irccs Crob e il Giovanni Paolo II di Bari

Firma Alleanza AMORe

E' nata AMORe Alleanza Mediterranea Oncologia in Rete. Con l'obiettivo di garantire cure antitumorali e abbattere il fenomeno dei viaggi della speranza verso il Nord i 3 principali Istituti oncologici del Mezzogiorno: l'Istituto nazionale tumori Irccs Fondazione Pascale di Napoli, l'Istituto tumori di Bari Irccs Giovanni Paolo II e l'Irccs Centro di riferimento oncologico della Basilicata Crob di Rionero in Vulture si incontrano per dare vita ad una nuova rete.

I direttori generali Attilio Bianchi, Antonio Delvino e Nicolò Cugno hanno firmato il 29 novembre a Bari la prima convenzione interregionale Campania-Puglia-Basilicata con l'intento di "tracciare la rotta per un nuovo modello di sanità in grado di coniugare i canoni di buona amministrazione con i bisogni assistenziali in continua evoluzione".

Nove i punti dell'intesa:

  1. creare una Rete interregionale di Istituti oncologici che, attraverso una collaborazione sistematica, il confronto e lo scambio di competenze ed expertise, assicuri il costante miglioramento della qualità, dell'appropriatezza e dell'efficacia delle cure e dei servizi erogati;
  2. avviare un percorso per la costituzione di una Fondazione;
  3. definire una piattaforma tecnologica comune per raccogliere in maniera omogenea dati clinici e gestionali a sostegno della ricerca e della costruzione di un sistema comune di indicatori da utilizzare per la valutazione dell'efficienza;
  4. realizzare progetti di formazione e ricerca preclinica e/o clinica in vari settori correlati all'oncologia.
  5. promuovere modelli organizzativi innovativi incentrati sull'etica clinica, la clinical governance, la condivisione delle policy, l'appropriatezza e l'economicità delle risorse;
  6. condividere i principi ispiratori dei Pdta (Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali);
  7. sviluppare attività comuni nell'ambito della ricerca sanitaria e biomedica;
  8. realizzare progetti estero-finanziati, a valere in particolare su Fondi comunitari;
  9. intraprendere un percorso sinergico per l'accreditamento a Comprehensive Cancer Center per ciascuna delle parti.

"La nascita di questa alleanza - hanno commentato i tre direttori - rappresenta una svolta per la sanità del Sud Italia. Siamo sicuri che la sinergia tra competenze scientifiche porterà non solo allo scambio di informazioni e conoscenze, e quindi a nuove progettualità, ma a ridurre la migrazioni di pazienti verso le regioni del Nord".

RASSEGNA STAMPA

Adnkronos, Il Mattino, La Gazzetta del Mezzogiorno, SalernosanitaStato Quotidiano, Il Denaro, Agoramagazine, Xagenabenessere, Dottnet, Siciliainformazioni.