31 maggio 2018 - Giornata Mondiale contro il Fumo - Ne abbiamo pieni i polmoni

Pubblicato il 23/05/2018

Studenti protagonisti della Giornata Mondiale senza tabacco

locandina

Rionero in Vulture 31/05/2018 – “Ne abbiamo pieni i polmoni” l’iniziativa promossa dall’Irccs Crob nelle scuole medie di Rionero per la Giornata Mondiale senza tabacco si è caratterizzata per l’attenta e motivata partecipazione di tutti gli studenti. I ragazzi delle classi prime, seconde e terze medie degli Istituti Comprensivi Michele Granata ed Ex Circolo Didattico sono stati i veri protagonisti della giornata dedicata all’educazione sanitaria. Gli oncologi dell’Irccs Crob, Raffaele Ardito ed Anna Maria Bochicchio, hanno affrontato numerosi temi legati al fumo ed al conseguente danno per l’organismo. Una tematica che nella giovanissima platea, dagli 11 ai 14 anni, ha destato notevole interesse. Così sono state molte le domande poste in entrambe gli Istituti. In particolare i ragazzi hanno chiesto l’entità del danno conseguente ad un utilizzo precoce della sigaretta, già a partire dai 12 anni, e se smettendo di fumare i polmoni possono ritornare come prima. Domande che evidenziano i molti dubbi e la centralità della tematica sentita proprio in questa fascia d’età. Gli oncologi hanno messo in evidenza le gravi problematiche conseguenti all’uso di sigaretta su un corpo ancora in crescita in cui gli organi non sono ancora del tutto maturi e sulla pericolosità degli effetti dovuti anche al fumo passivo. Il messaggio lanciato ai ragazzi è stato anche quello che fumare non rende adulti e non è “figo” perché ingiallisce i denti, invecchia la pelle, e da un odore sgradevole sia alla bocca che ai vestiti oltre a causare danni alla salute. Il fumo è la prima causa di morte evitabile nei paesi occidentali oltre ad essere uno dei principali fattori di rischio nello sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie. Grande attenzione ha suscitato poi nei ragazzi l’utilizzo della sigaretta elettronica, molto in voga tra i giovani e giovanissimi non ostante il divieto di vendita al di sotto dei 18 anni posto dal Ministero della Sanità, così come per le sigarette.  

 

Rionero in Vulture 29/05/2018 - L’Irccs Crob aderisce alla Giornata Mondiale senza tabacco promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità con lo slogan “Ne abbiamo pieni i polmoni”. L’iniziativa, che ricade il 31 maggio di ogni anno, vuole essere un importante momento di riflessione sull’impatto nocivo del fumo sulla salute. La campagna di sensibilizzazione promossa quest’anno dall’Irccs Crob ha scelto come obiettivo di riferimento i ragazzi della scuola primaria di secondo grado. La scelta è stata fatta sulla base dei dati statistici nazionali della ricerca Doxa, presentata dall’Osservatorio Fumo Alcol e Droga del Centro Nazionale Dipendenza e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità il 31 maggio scorso, in cui si evidenzia come il 12,2% del totale dei fumatori abbia iniziato a fumare prima dei 15 anni. L’Irccs Crob ha così inteso dedicare la giornata per la lotta contro il fumo alla prevenzione, a partire proprio dalle fasce d’età più a rischio. La mattina del 31 maggio due oncologi dell’Istituto, il dott. Raffaele Ardito e la dott.ssa Anna Maria Bochicchio terranno una lezione di educazione sanitaria incentrata sui danni provocati al fumo all’organismo negli Istituti comprensivi Michele Granata ed Ex Circolo Didattico di Rionero in Vulture. Il fumo di sigaretta, sia diretto che passivo, è infatti uno dei principali fattori di rischio nello sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie, nonché la prima causa di morte evitabile nei paesi occidentali. L’iniziativa è stata accolta con favore dai dirigenti scolastici dei due Istituti rispettivamente: Domenico Quatrale e Tania Lacriola. I dirigenti scolastici hanno sottolineato la necessità di iniziative mirate alla platea dei ragazzi della scuola media evidenziando come, dalla loro esperienza quotidiana, l’età media in cui si accende la prima sigaretta sia in forte diminuzione arrivando ad interessare anche i ragazzini delle prime classi. Oltre al danno provocato dal fumo di sigaretta sarà affrontato anche il tema delle sigarette elettroniche, molto in voga tra i minorenni. Un tema su cui il Ministero della Salute ha innalzato il divieto di vendita di quelle contenenti nicotina da 16 a 18 anni.